Arval offre servizi aggiuntivi ai dipendenti dei suoi clienti

 In Bollettino, Nuovo

Il senso forte delle innovazioni che arrivano sul mercato prendendo il corpo e la forma di prodotti e servizi. È questa l’impressione che si ricava quando coinvolti in una conferenza internazionale di Arval. Come quella di Parigi del 13 febbraio, dove hanno presentato alcune importanti novità, a coronamento dell’anno appena passato, che il gruppo ha chiuso con oltre 1,1 milioni di veicoli gestiti. “Il 2017 è stato un altro anno di successo e di risultati incoraggianti – ha detto Philippe Bismut, chairman e CEO. “Le novità che introduciamo oggi ci consentono di mettere soluzioni di mobilità sostenibile e facile a disposizione dei dipendenti dei nostri clienti e dei privati in generale.”

Arval For Me è una piattaforma digitale che combina i servizi di assistenza post-vendita per l’auto (riparazioni di meccanica e carrozzeria, pneumatici e vetri) insieme a servizi di mobilità, quali il rimorchio del veicolo e la vettura sostitutiva. In altre parole, tutti i servizi reali inclusi nel noleggio, senza necessariamente averne uno, destinati ai dipendenti di Arval e a quelli dei suoi clienti che mantengono la vettura in proprietà. Per quelli che invece volessero passare al noleggio, c’è Arval For Employee, che offre la possibilità di acquisire un’auto a noleggio, a titolo personale e beneficiando di condizioni privilegiate, pagando ad Arval oppure con una trattenuta in busta paga. E quando il dipendente andrà in pensione, potrà tenere l’auto, in noleggio o acquistandola.

Arval Car Sharing invece offre la possibilità, ancora ai dipendenti delle aziende clienti, di utilizzare un veicolo riservato per pochi minuti fino a qualche giorno, sia per motivi di lavoro sia per ragioni private, anche durante il week end. Arval Italia, guidata dal CEO Gregoire Chovè, è la subsidiary promotrice del servizio che già nei primi mesi ha raccolto ordini per alcune migliaia di veicoli, da parte di un numero limitato di aziende. C’è da scommettere che quando tutti i clienti saranno stati coinvolti i numeri saranno decisamente importanti.

Tuttavia, il car sharing è un business in perdita. “Ci aspettiamo di guadagnare dal car sharing non come business isolato – spiega Bismut al Sole24Ore – ma come aggiunta a quello esistente. Grazie alle sinergie con i nostri sistemi, potremo gestire meglio la flotta e magari aumentarla, visto che parliamo di una popolazione di clienti circa dieci volte più ampia. Utilizzando la nostra piattaforma digitale, il costo del servizio è marginale.”

 

Articolo pubblicato su Il Sole 24 Ore il 27 febbraio 2018, a firma di Pier Luigi del Viscovo

Recommended Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search

auto inquinamentoauto inquinamento

Utilizziamo i cookie per migliorare l'usabilità del nostro sito web e la qualità dei nostri servizi. Cliccando su "Continua", effettuando lo Scroll, oppure continuando la navigazione di questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. Per disattivarli, si prega di fare riferimento alla nostra politica cookie. In caso di disattivazione dei cookie il sito potrebbe non funzionare correttamente. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi