Gli interessi dei Paesi dietro ai fenomeni dell’industria dell’auto

 In Bollettino, Nuovo

L’auto è una delle più importanti industrie metalmeccaniche, che impiega milioni di lavoratori e intorno a cui gravita un indotto altrettanto rilevante. A livello economico, assume un peso significativo negli equilibri della bilancia commerciale.

Non sorprende che i governi dei paesi si stiano muovendo per aggiustare alcune posizioni che evidentemente ritengono inique o semplicemente non soddisfacenti.

Il commercio mondiale nel 2016 valeva 711 miliardi di dollari. Gli USA sono il primo importatore, con acquisti pari al 24% della torta, che valgono tre volte le vendite. Rapporto che si inverte per la Germania, primo esportatore con il 22% delle vendite, a fronte di un 7% di acquisti. La Cina alimenta il proprio mercato, che nel frattempo è il più grande del mondo, acquistando il 6% delle vendite mondiali, addirittura sei volte la cifra che invece riesce a vendere.

Sono queste le grandezze che stanno dietro ai fenomeni di questi anni, dai dazi e guerre commerciali alle dispute sui propulsori, visto che gli USA sono deboli sul diesel e la Cina sul termico in generale.


Newsletter La Capitale Automobile Cars del 19 ottobre 2018

Recent Posts

Start typing and press Enter to search

Utilizziamo i cookie per migliorare l'usabilità del nostro sito web e la qualità dei nostri servizi. Cliccando su "Continua", effettuando lo Scroll, oppure continuando la navigazione di questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. Per disattivarli, si prega di fare riferimento alla nostra politica cookie. In caso di disattivazione dei cookie il sito potrebbe non funzionare correttamente. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi