La Cina spinge l’elettrico per annullare il gap di tecnologia sul termico

 In Bollettino, Nuovo

L’industria dell’auto è un’eccellenza del Mondo occidentale. Nel secolo scorso i costruttori di macchine riuscivano a influenzare le scelte politiche, attraverso l’occupazione di massa che esprimevano. Ora altri colossi sono apparsi, nell’informatica e nel digitale, ma il peso dell’auto resta elevato.

Eppure, da circa un decennio questi giganti hanno intrapreso una strada che puzza di autolesionismo: la corsa sfrenata all’elettrificazione, che metterebbe da parte il motore termico e tutta la tecnologia accumulata in oltre un secolo, che pone di fatto i gruppi occidentali e nippo-coreani in posizione dominante.

Da un lato, politiche ideologizzate (o più probabilmente solo miopi) espressione di una classe politica molto modesta, impegnata più a inseguire che a costruire il consenso. Dall’altro, il piano ben evidente della Cina (primo mercato mondiale e a breve primo produttore di auto), che punta a spostare la competizione con i rivali fuori dal motore termico (con cambi, trasmissioni e altro) dove sarebbe molto svantaggiata.

È il momento di fare il punto, guardando ai reali interessi in gioco, senza fughe in avanti.

Newsletter La Capitale Automobile Cars 2017, a firma di Pier Luigi del Viscovo.

Recent Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search

diesel

Utilizziamo i cookie per migliorare l'usabilità del nostro sito web e la qualità dei nostri servizi. Cliccando su "Continua", effettuando lo Scroll, oppure continuando la navigazione di questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. Per disattivarli, si prega di fare riferimento alla nostra politica cookie. In caso di disattivazione dei cookie il sito potrebbe non funzionare correttamente. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi