Avis conquista Maggiore, le grandi manovre del noleggio

 In Bollettino, Noleggio

Avis compra Maggiore. Lo ha annunciato il 2 marzo Ronald Nelson, presidente e amministratore delegato del Gruppo Avis Budget (ABG), indicando che l’acquisizione, che si dovrebbe perfezionare in primavera, avrà un costo di 170 milioni di dollari (circa 145 milioni di euro, ma il cambio è fluido al ribasso), coperto in parte con la liquidità disponibile.

Si tratta dell’operazione più rilevante nel comparto dell’autonoleggio da molti anni a questa parte, visto che Maggiore è il quarto operatore del rent-a-car (RAC), attivo in Italia dal 1947 e che oggi vanta un network di oltre 140 stazioni. Quando le due attività saranno state pienamente integrate, ABG stima in Italia un giro d’affari aggiuntivo intorno ai 160 milioni di dollari, con un EBITDA rettificato di ulteriori 30 milioni di dollari. “Maggiore ha una straordinaria e consolidata presenza in Italia nel noleggio delle auto e dei furgoni – ha dichiarato Ronald Nelson – che la rende un completamento eccellente delle nostre attività nel Paese, dove il business dell’autonoleggio si è rivelato resistente ai cicli economici e profittevole, specialmente nella stagione estiva”.

Negli USA il 95% del mercato del RAC è ormai saldamente nelle mani di Hertz, Avis e Enterprise, con diversi brand operativi, che ovviamente guardano con interesse agli altri Paesi, dove ci sono ancora spazi. Che ABG abbia scelto l’Italia è certamente un segnale positivo per la nostra economia, che sta cercando faticosamente di riguadagnare un outlook positivo per gli investimenti. In proposito, abbiamo sentito Gianluca Testa, Managing Director per Italia, Spagna e Portogallo: ”Siamo orgogliosi di investire in Italia, dove abbiamo creato il polo più importante nel RAC, grazie alla posizione solida di Maggiore. In particolare la leadership indiscussa di AmicoBlu nei furgoni ci permetterà di guadagnare posizioni e magari di far leva sulle nuove competenze acquisite per crescere ancora in Italia e in Europa. Negli USA il nostro gruppo ha investito molto sui furgoni, lì operati col marchio Budget, proprio per dare un’offerta completa alla clientela corporate.”

Per quanto riguarda la strategia di mercato di ABG in Italia, i due marchi Maggiore e Budget vedranno un progressivo avvicinamento, proprio per beneficiare del consolidato bacino di clientela del primo e del respiro internazionale del secondo. Positive sono anche le aspettative di Vittorio Maggiore, presidente del Gruppo: “Consegniamo il Gruppo Maggiore nelle solide mani di ABG”.

Sul fronte operativo interno, l’integrazione delle due organizzazioni Avis Budget e Maggiore sarà molto graduale, determinata da sistemi informatici diversi e da accordi con gli aeroporti.

Evidentemente è l’anno del RAC, visto anche come si stanno muovendo gli altri operatori. In vista dell’Expo, stanno preparando le flotte per essere pronti a far fronte alle prenotazioni già in portafoglio. Nei primi due mesi il noleggio ha targato quasi il 50% in più di vetture (quante di queste poi fossero già costruite e quante invece solo dei numeri di telaio in attesa è tutto da stabilire). Per quanto anche il lungo termine (NLT) abbia contribuito, grazie a rinnovi di grandi flotte di utilities e un buon portafoglio accumulato a fine 2014, non v’è dubbio che il grosso venga dal RAC, grazie agli ordini piazzati per l’Expo.

Dunque, il 2014 è stato l’anno del NLT, che si è caricato sulle spalle oltre metà dell’incremento del mercato (600 milioni di euro su poco più di un miliardo di crescita, secondo le stime del Centro Studi Fleet&Mobility), mentre il RAC aumentava del 5%. Nel 2015 sarà soprattutto il RAC a far suonare il registratore di cassa dei costruttori. L’anno scorso la reginetta delle flotte era la 500L, che da sola copriva oltre il 13% dell’offerta. Parliamo di quasi 11.000 unità immatricolate, di cui quasi 5.000 solo da Hertz e oltre 2.000 da Maggiore, col resto ripartito più o meno equamente tra Avis, Europcar e Sixt. Un’utilitaria che consente un’invidiabile abitabilità e perciò adatta a muoversi per alcuni giorni. Non si conoscono le scelte d’acquisto per il 2015, ma certamente FCA non mancherà di cavalcare l’esposizione internazionale legata ai turisti dell’Expo, facendo provare le nuove 500X e Renegade, seppur in misura minore. Quest’anno le immatricolazioni del RAC potrebbero avvicinarsi a quota 100.000 unità, significative in un mercato da 1,4 milioni.

Articolo pubblicato su Motori24, Sole24Ore, del 25 marzo 2015 a firma di Pier Luigi del Viscovo

Recent Posts

Start typing and press Enter to search