IL NOLEGGIO ACCELERA LA SVOLTA DIGITALE

 In Bollettino, Noleggio

Lo scenario. Il continuo investimento nella digitalizzazione del business significa offrire soluzioni sempre più smart, veloci e sicure per rispondere alle esigenze di mobilità di un sistema connesso e integrato. E c’è chi punta in maniera convinta sull’elettrificazione.

 

Il terzo trimestre è quello che conta nel noleggio a breve termine, perché storicamente porta nelle casse dei noleggiatori più o meno il 40% del giro d’affari dell’anno. Nel 2023 secondo i dati di Aniasa, il terzo trimestre non ha tradito le attese: gli operatori hanno generato 530 milioni di giro d’affari, con una variazione positiva impercettibile, lo 0,3%, rispetto allo stesso periodo del 2022. Dal punto di vista delle attività la situazione è stata molto rosea. Nel trimestre luglio-agosto-settembre le società di noleggio a breve termine hanno erogato 1,3 milioni di noleggi pari ad una crescita del 20% rispetto all’anno precedente. Le durate dei noleggi si sono leggermente contratte, passando da 8,6 a 8,4 giorni.

Il pricing molto elevato del 2022, dovuto ad uno squilibrio tra domanda e offerta, si è ridimensionato nell’anno in corso. Nel terzo trimestre del 2023 il prezzo del noleggio al giorno è diminuito del 15% passando da 55 a 48 euro, mentre il prezzo per noleggio si è attestato a 395 euro contro i 472 euro dello stesso periodo del 2022.

 

Brand generalisti e premium

Nel terzo trimestre 2023 le società di noleggio, prevedendo una stagione estiva in rialzo rispetto al 2022, hanno aumentato il numero dei veicoli a disposizione; la flotta media, che rappresenta il numero dei veicoli che mediamente è stato nelle disponibilità degli operatori nel periodo, si è attestata a quasi 165.500 veicoli con un incremento del 21%.

La flotta delle società di noleggio è composta nella maggior parte da vetture di brand generalisti, anche se ci sono delle notevoli differenze tra gli operatori che dipendono dalle differenti proposizioni delle stesse sul mercato. Ne è un esempio la strategia di SIXT che si traduce con il concetto di “Expect Better” per cui il lusso è un’esperienza che parte dal valore tangibile dei prodotti proposti e prosegue con una costante attenzione ai dettagli erogati da un servizio premium, accessibile e di facile utilizzo che è possibile personalizzare, in base alle esigenze e preferenze individuali. Per quanto riguarda i prodotti, in effetti, la flotta della multinazionale tedesca è costituita per il 60% da brand premium.

 

Svolta green nel breve

C’è chi punta in maniera convinta sull’elettrificazione. È il caso di Hertz che ha in flotta diversi modelli elettrici tra cui Polestar 2, Tesla model 3 long range, Peugeot e2008, DS3 e-Tense, Fiat 500E. Ma non solo per i modelli. Hertz con il noleggio di vetture elettriche offre il servizio Charge Purchase Option, attraverso il quale la gestione del pieno di energia prima della restituzione dell’auto è a carico dell’azienda snellendo le operazioni di rientro del cliente. Le operazioni di ricarica, inoltre, sono agevolate anche durante il noleggio grazie al token in dotazione al ritiro dell’auto che dà accesso ai punti di ricarica pubblici senza necessità di registrazioni o carte di pagamento.

 

La digitalizzazione

Il continuo investimento nella digitalizzazione del business significa offrire soluzioni sempre più smart, veloci e sicure per rispondere alle esigenze di mobilità di un sistema connesso e integrato. Per Avis Budget Group questo vuol dire focalizzarsi nel 2024 sul costante miglioramento della customer experience, rinnovando il programma di fidelizzazione Avis Preferred e puntando sempre di più su servizi digitali come il QuickPass, che permette il check in-on line risparmiando così tempo al banco al momento del ritiro della vettura, e i Kiosk self-service, che consentono ai clienti di ritirare la chiave dell’auto con una semplice scansione del QR code.

 

 

I clienti privati

Sui clienti privati, serviti sia direttamente sia tramite intermediari, gli operatori del noleggio a breve termine hanno sviluppato oltre il 70% del giro d’affari del terzo trimestre, proprio perché nel periodo estivo si concentra la maggior parte della domanda turistica. Tale tipologia di clienti consente anche una marginalità più elevata rispetto al segmento corporate. Il prezzo al giorno su questa categoria è stato pari a 52 euro anche se in forte contrazione rispetto allo stesso periodo del 2022 (68 euro).

Tra questi clienti, per Europcar sono strategici i millennials (25-40 anni) che preferiscono prenotare con anticipo le vetture, sono più propensi a utilizzare l’auto solo quando è necessario, spesso non ne hanno una di proprietà e sono molto più attenti alla sostenibilità, preferendo auto elettriche o ibride

 

I clienti corporate

Sui clienti corporate il giro d’affari generato nel terzo trimestre del 2023 è stato pari a 146 milioni, in crescita del 6% rispetto allo stesso periodo del 2022. I clienti corporate pagano meno rispetto ai privati, ma garantiscono individualmente volumi di noleggio maggiori rispetti ai privati. All’interno dei clienti corporate si distinguono i così detti replacement e le aziende convenzionate. Sul segmento del replacement, costituito soprattutto dalla domanda dei noleggiatori a lungo termine di sostituzione dei veicoli temporaneamente indisponibili, dati in uso ai propri clienti, gli operatori hanno realizzato un giro d’affari di 40 milioni di euro in crescita del 29%. Sul target delle aziende convenzionate (cioè quelle che comprano pacchetti di noleggi per le esigenze occasionali di mobilità dei propri dipendenti e/o che stipulano contratti plurimensili per i dipendenti non assegnatari di auto aziendale) i noleggiatori hanno realizzato un giro d’affari di 106 milioni di euro in contrazione dell’1% rispetto allo stesso periodo del 2022.

Sul target delle aziende e dei liberi professionisti per il 2024, Locauto sta studiando una soluzione mid term al fine rendere disponibile per il cliente un servizio di noleggio per periodi prolungati, avendo la possibilità di poter sostituire il proprio veicolo senza dover aspettare anni. Inoltre, ha in previsione il lancio del programma loyalty “MyLocauto Friends” esteso anche a tutti i clienti che noleggiano veicoli commerciali.

 

Aziende terreno di conquista

Sempre più si notano sovrapposizioni tra le aziende di noleggio a breve e a lungo termine. Per cui le prime cercano di allungare il periodo di noleggio per intercettare alcune particolari esigenze di mobilità delle aziende, le seconde lanciano prodotti, come l’abbonamento che prevedono la possibilità di cambiare l’auto con scadenze sempre più ridotte. Formule innovative soprattutto sui prodotti elettrificati.  Ad esempio, Ayvens, il nuovo brand che raggruppa ALD Automotive e LeasePlan sotto un’unica identità, mira ad avere globalmente 300.000 contratti su veicoli elettrici entro il 2026 come parte della sua offerta di noleggio flessibile in abbonamento e di auto usate, in modo da diversificare ulteriormente la sua offerta di servizi e migliorare l’accesso ai veicoli elettrici.

 

Articolo pubblicato su Il Sole 24 Ore il 19 dicembre 2023 a firma di Alessandro Palumbo

Recent Posts

Start typing and press Enter to search