INCENTIVI SUBITO FINITI. MALAFEDE?

 In Bollettino, Nuovo

Gli stadi esistono fin dall’antichità per sfogare i furori irrazionali, in modo che poi ci sia lucidità nella gestione degli affari importanti, tipo gli incentivi per le auto. Diciamo subito che non sono un buon farmaco, perché drogano e alterano il mercato, che ne esce in genere peggio di prima. Tuttavia, per riprendersi da un lock-down anche una medicina forte e cattiva può essere un’opzione. Così si è deciso di dare un contributo a chi acquisti un’auto nuova: obiettivo uno. Poi, essendoci sempre quella questione delle emissioni delle macchine vecchie, marginale nei numeri ma totalizzante e simbolica nell’immaginario, si è deciso di raddoppiare il contributo a fronte di una rottamazione: obiettivo due. Fin qui la ragione. Poi, orfani delle curve calcistiche, sono arrivati i ciechi furori.

I clienti devono comprare le auto che diciamo noi, anche se siamo un’economia liberale, cosa mai ben digerita, tra l’altro. Va bene, ma se non lo fanno? Se non lo fanno ci prendiamo il pallone, i contributi, e non si gioca più. Tradotto: mettiamo fondi ridicoli per le macchine che si vendono e abbondiamo per quelle che pochi vogliono. I primi sono finiti venerdì 11 settembre, mentre i secondi resteranno in buona misura inutilizzati.

Ma non si doveva rilanciare l’economia, obiettivo uno, per mitigare la tragedia dei nuovi disoccupati? No, no, prima di tutto viene l’ambiente: in curva c’è tanto di striscione con “save-the-planet”. Chiudendo le centrali elettriche? Ma no, quali centrali elettriche? Fermando le machine. Giusto! L’obiettivo due, togliere dalle strade quelle vecchie e sostituirle con quelle nuove, che hanno emissioni bassissime, eco-compatibili. Sbagliato! O comprano quelle elettriche o ibride, oppure tanto vale che continuino a inquinare. Smarrimento della ragione.

Almeno, si poteva portare la 4° fascia fino a 120 gr/km di CO2 e la 3° fino a 95, come il limite imposto dalla UE. Invece no, massimo 110 gr e 3° fascia a 90 gr. Così tante auto 111/120 gr restano completamente fuori incentivo, mentre le 91/95 gr sono dentro ma prosciugano il fondo di dotazione di quelle più richieste, che infatti è esaurito da venerdì 11. Insomma, pare che nell’impostazione di questi incentivi siano mancate lucidità e competenze. L’alternativa è la malafede, anche possibile.

 

Articolo pubblicato su il Giornale, il 29 settembre 2020 a firma di Pier Luigi del Viscovo

Recent Posts

Start typing and press Enter to search


Notice: unserialize(): Error at offset 0 of 4 bytes in /home/customer/www/fleetandmobility.it/public_html/wp-content/themes/jupiter/framework/helpers/wp_footer.php on line 30