L’EMERGENZA VIRUS AZZERA IL NOLEGGIO E FERMA LE FLOTTE

 In Bollettino, Noleggio

Scenari. A picco la domanda aziendale: i manager lavorano da remoto e sfruttano il telefono. Il crollo del turismo colpisce i servizi a lungo termine

L’impatto del Coronavirus non è uguale su tutti gli operatori economici. Come per ogni forza, dipende dal corpo che la riceve, se sia più o meno in grado di assorbirla senza farsi abbattere. Nel sistema delle flotte, ci sono tre principali soggetti: noleggiatori a breve (RAC), noleggiatori a lungo (NLT) e costruttori. Il RAC, che vive degli spostamenti di corto raggio dei clienti, più di tutti sta subendo il fermo delle attività e nei prossimi mesi sarà peggio. Adesso manca soprattutto la domanda corporate, visto che i manager lavorano da remoto, parlando con i clienti al telefono ma senza muoversi. Quando la tempesta sarà passata e le relazioni torneranno a essere fisiche, auspicabilmente anche le auto verranno noleggiate negli aeroporti, dove dai tabelloni scompariranno le scritte “cancellato” che oggi affiancano circa 4 voli su 5. Certo non si potrà parlare di recupero, ma forse almeno di ritorno alla normalità, archiviando la perdita di fatturato. È la parte bella della storia. Quella davvero triste la domanda che proviene dai turisti in vacanza. Sono i clienti che noleggiano per più giorni e pagano meglio, magari pure vetture familiari. Il primo appuntamento che salterà è Pasqua. Poi c’è il resto di aprile, con i suoi ponti, che è già andato in fumo. Il Bel Paese si chiama così perché è bello e tutti dall’estero vengono a vederlo e a goderlo, nei mesi prima del caldo torrido dell’estate. Succede tutti gli anni in cui non c’è un virus, dunque non in questo. Come ha detto Massimiliano Archiapatti, presidente di Aniasa, l’associazione dei noleggiatori: “Abbiamo messo in quarantena il business e il persistere dell’attuale situazione renderà la stagione disastrosa. Fuor di metafora, e col massimo rispetto per le emergenze sanitarie che stiamo fronteggiando, le nostre previsioni sono di un calo del giro d’affari nell’ordine dell’80% ad aprile e poi auspicabilmente un po’ meno peggio a maggio e giugno, fino a meno 50%. Questo si riverbera ovviamente sulla filiera a monte, avendo in pratica bloccato l’acquisto di auto dai fornitori, e a valle, verso tutti quegli operatori piccoli e meno piccoli che ci danno i servizi essenziali per far funzionare il sistema del rent-a-car. In proposito, abbiamo chiesto al ministro De Michieli, con cui ci siamo già incontrati, di attivare tutti gli interventi necessari a livello nazionale – e non solo nelle aree maggiormente colpite dal virus – per assicurare la tenuta di un settore strategico per la mobilità cittadina, turistica e aziendale del Paese.”

Passando al NLT, il calo economico non mancherà di urtare pure gli operatori del lungo termine “a cominciare dal credito – puntualizza Archiapatti – dove i livelli di sofferenza si alzeranno per le difficoltà dei clienti a onorare gli impegni”. Inoltre, c’è da mettere in conto la possibile diminuzione degli occupati, che si tradurrebbe in un dimagrimento delle flotte aziendali. Usiamo il condizionale, confidando sulla rassicurazione del Governo, secondo cui nessuno dovrebbe perdere il posto. L’intera vicenda però rende possibile misurare la differenza tra una vendita e una somministrazione. Una flotta resta comunque nella disponibilità del cliente e continua a generare fatturato, come è tipico di un servizio di uso dei veicoli. Il NLT è un business molto più stabile e resiliente delle normali vendite, anche nella parte servizi, dove gli interventi di manutenzione sono già programmati e pagati. Quello che sicuramente accadrà sarà un rallentamento nei rinnovi. Se dieci anni fa erano i noleggiatori che spingevano i clienti a prorogare i contratti attivi, adesso saranno le aziende a chiederlo, per avere la flessibilità di adeguare la flotta alle esigenze effettive del dopo-Corona. Come ci ha detto un importante costruttore, le imprese dopo la bufera si metteranno in modalità wait-and-see.

Le case auto sopporteranno il danno maggiore, dopo il RAC, da questo fermo. Vero è che l’acquisto di un bene durevole come l’automobile può essere rimandato di qualche mese, ma non cancellato come una vacanza, e dunque è lecito attendersi un rimbalzo. Tuttavia, le fabbriche hanno bisogno di funzionare tutti i giorni e non sarà certo possibile recuperare in tempi rapidi le consegne sospese in primavera. Poi c’è l’altro problema, di dover immatricolare vetture elettrificate per limitare le multe, su cui le flotte non sembrano rispondere adeguatamente. Oggi sembra strano ipotizzare che la Commissione possa davvero applicare le multe all’industria dell’auto, mentre gli Stati faranno ogni sforzo per tutelarne l’occupazione e la sopravvivenza. Magari, questo virus potrebbe portare consiglio e rimettere le cose nella giusta priorità.

Articolo pubblicato su Il Sole 24 Ore, il 7 aprile 2020, a firma di Pier Luigi del Viscovo

Recent Posts

Start typing and press Enter to search


Notice: unserialize(): Error at offset 0 of 4 bytes in /home/customer/www/fleetandmobility.it/public_html/wp-content/themes/jupiter/framework/helpers/wp_footer.php on line 30